Posts Tagged ‘crash of rhinos’

2011: canzoni fatte di neve

13 gennaio 2012

Da pochi giorni è uscita la mia playlist con il meglio del 2011 su 74:33.
15 canzone giuste giuste per entrare in un cd.

Che potete ascoltare qui

Ma era troppa la roba rimasta fuori… per cui qua sotto ci sono ben ottantuno brani che per tutti questi trecentosessantacinque giorni hanno galleggiato intorno a me come fiocchi di neve.
In questa scelta non c’è nessuna pretesa di oggettività, il tutto è frutto di traiettorie intime e sbilenche.
Anche l’ordine è poco ragionato. Anche se il meglio (ovvero le canzoni estratte dai migliori album del 2011) casualmente si è concentrato verso l’alto.

Qui si possono ascoltare a mo’ di playlist (una dietro l’altra o skip skip skip)

CIVIL CIVIC – Mayfield
Bon Iver – Holocene
Verdena – Lei disse (Un mondo del tutto differente)
Sun Glitters – Beside Me
Kurt Vile – Jesus Fever
Girls – Alex
M83 – Wait
Real Estate – It’s Real
Crash of Rhinos – Asleep
New Animal – Nightmares of Candy Yang & The Black
Walls – Heat Haze
Stephen Malkmus & the Jicks – Stick Figures in Love
Atlas Sound – My Angel Is Broken
J Mascis – Is It Done
Explosions in the Sky – Let Me Back In
Siskiyou – Twigs And Stones
Danger Mouse & Daniele Luppi – Season’s Trees
Horrible Present – Endless summer / Winter shows up
Toro Y Moi – Got Blinded
Bill Callahan – Riding for the feeling
Martyn – Viper
Twerps – Don’t Be Surprised
Radiohead – Codex
Gazebo Penguins – Senza di te
The Dodos – Going Under
Cloud Nothings – Forget You All The Time
Gold Panda – Like Totally
The Soft Province – Lazy Minds Die
Yuck – Holing Out
My Dad vs. Yours – Hip To Hip
Work Drugs – Rad Racer
Beirut – The Rip Tide
Chris Bathgate – Poor Eliza
Iron & Wine – Rabbit Will Run
Mogwai – Letters To The Metro
Youth Lagoon – Cannons
Wilco – Black Moon
Pianos Become the Teeth – I’ll be Damned
Vetiver – Worse for wear
Ducktails – Hamilton Road
Connan Mockasin – It’s Choade My Dear
L’AMO – Di Primavera in Primavera
Emphemetry – So Long Magic Helper
Shotgun Jimmie – Suzy
Two Bicycles – Swim In The Light
Do Nascimiento – Megafono
Fink – Berlin Sunrise
Paleo – Lighthouse
Rob Crow – Prepare to Be Mined
All Tiny Creatures – An iris
Fast Animals and Slow Kids – Copernico
Alcoholic Faith Mission – Alaska
Plaid – Unbank
Fucked Up – Queen Of Hearts
L’Orso – Ottobre Come Settembre
The Field – Then It’s White
A Classic Education – Gone To Sea
Ringo Deathstarr – So High
Owen – No Place Like Home
Smith Westerns – Weekend
Tape — Dust and Light
The Babies – Run Me Over
Thurston Moore – Blood Never Lies
Raein – Nirvana
Basement – Crickets Throw Their Voice
Bobo Rondelli – Blu
Beach Fossils – What A Pleasure
Idaho – You Were A Dick
Fennesz – Seven Stars
Zomby – Natalia’s Song
Apparat – Candil De La Calle
Casa del Mirto – Fake
Golden Kanine – Back From The Woods
Male Bonding – Bones
Megafaun – Get Right
Modeselektor – Green Light Go (Feat. PVT)
Girrafage – Girl
Jacob Faurholt – Themes of a Troubled Mind
Verily So – Of Stars
Metronomy – Everything Goes My Way

Qui si possono ascoltare a mo’ di playlist (una dietro l’altra o skip skip skip)

Annunci

74:33 Playlist on air

12 luglio 2011

Da oggi collaborerò (parteciperò, meglio) con una sgangherata ma sentita rubrichetta fissa su uno dei blog più interessanti, musicalmente parlando, del Web (esagerato? naaaaaaa).

Si chiama (il blog) 74:33 (Il primo blog di playlist come si deve) e si basa sulla compilazione giornaliera di playlist sulla durata di 74′ 33”, ovvero quella massima dei cd. Tutto qui.

La rubrichetta, invece, si chiama Washer… perché? boh, così. No, non è vero. è una sorta di omaggio all’omonima canzone degli Slint. ma voglio dire, d’altra parte già “buonanotte amore mio” lo era e sempre al medesimo brano. boh, chiamiamola continuità. Da fine settembre dovrebbe partire con una certa periodicità e dovrebbe avere lo scopo di unire un approccio critico a quello più caratteristico del blog: intimo e di pancia. qui aggiornamenti!

Qui è possibile ascoltare il #0 di Washer, completamente dedicato a tutte quelle band che ultimamente stanno declinando il Belpaese e la nostra lingua in sferragliate post-hardcore (emocore, diciamolo, ma di quello autentico) con purezza, indipendenza e un po’ di nostalgia, sì. Che ci si affeziona. è così.

Ci si affeziona

01 Gazebo Penguins – Senza di te
02 Do Nascimento – Megafono
03 Raein – Nirvana
04 Verme – Gatto gatto gatto
05 La Quiete – Giugno
06 Fine Before You Came – Fede
07 Cosmetic – Né noi né Leandro
08 Crash Of Rhinos – Asleep
09 Distanti – Ingenuità dei lettori e delle lettere
10 Altro – Ottimismo
11 Dummo – Maschera da cane

(il testo a corredo lo trovate però solo su 74:33)